L'albero dei Liberi

Aggiornamento: 12 giu 2019

Siamo davvero felici di ciò che abbiamo fatto finora per sostenere Dario. Tutto ciò sembra insignificante, ma possiamo giurarvi che ci stiamo mettendo tutto l'impegno possibile. Sostenere Dario e la sua musica sono ciò che ci siamo impegnate a fare, soprattutto grazie al vostro aiuto.


Quando leggerete questo articolo, cari Liberi, il sito web sarà appena stato pubblicato, un altro piccolo tassello del nostro lavoro. Per dare il via a una serie di numerosi scritti, come primo argomento abbiamo scelto di raccontarvi la nascita dell' "Albero dei liberi", come l'ha chiamato Dario.

La nostra Silvia Rossi, con la sua vena artistica, ha pensato a questo disegno durante un viaggio in macchina, mentre era in autostrada verso Milano, qualche giorno dopo il primo incontro col cantautore catanese. Da quel momento è nata la voglia di restituire quella gioia e quella sensazione di libertà che solo la sua musica ha saputo regalare a tutti noi. Sapete quando si dice "il destino"? Non c'è stato bisogno di conoscere le nostre storie, siamo stati accolti a braccia aperte. Non ci è stato chiesto nulla, ma ci è stato dato davvero tanto. Tutto nasce da una domanda con cui Dario ci ha accolte e salutate quella sera del 3 maggio 2018: "perché proprio me?".

Silvia ha sentito il bisogno di dare una risposta a quella domanda e da quel giorno è iniziata la sua ricerca viscerale per trovare qualcosa in grado di racchiudere ogni singola emozione e sensazione che la sua musica le ha dato. Dopo diversi tentativi e bozze, scartate e poi modificate, è riuscita a trovare la chiave per incastrare tutto. Silvia ha scelto un albero perché per lei, e per Dario stesso, rappresenta il concetto di libertà assoluta.

Come le sue radici sono in grado di resistere a tutto, lo sono anche i nostri ideali, i valori che i nostri cari ci hanno trasmesso, l'amore per la nostra terra.

I nostri sogni, le passioni, il nostro futuro sono affidati al vento quando rivolgiamo il nostro sguardo verso l'alto.

Storie di vita, strade percorse e poi abbandonate, relazioni costruite e poi spezzate, cicatrici sulla pelle delle persone che rimarranno per sempre, proprio come i segni nella corteccia di un albero.

Albero, simbolo di rinascita, libertà, pazienza, passato e futuro; simbolo di vita, la nostra. Ci ricorda chi siamo, chi eravamo e ciò che possiamo diventare: persone con i piedi saldi a terra, ma con il cuore proteso verso l'altro, libero di amare.

L'albero dei Liberi

15 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

“Music makes the world a better place!” Monday, October 21st 2019, 5 pm. This is the sentence I read on the wall behind me. I am sitting on a couch in SEMM Music Store & More in Bologna. Next to me, t

Ecco la traduzione dell'intervista in lingua inglese al blog Culture Corner. Buona lettura. Dario Greco’s freedom. In the history of Italian music, many authors have been talking about freedom, as for